Vai al contenuto

POSSO AEROGRAFARE UN’IMMAGINE PRESA DA INTERNET?

Ti sarà capitato di certo di aerografare un’immagine scaricata da internet. Cercare su internet foto, ritratti, immagini, loghi o soggetti a cui ispirarsi per realizzare un’aerografia, è molto frequente e molto spesso se ne fa una riproduzione fedele, senza curarsi di verificare se si tratta di immagini royalty-free, ovvero libere da copyright oppure no.

Si tratta senza dubbio di un terreno minato dove è gioco muoversi con cautela, senza esagerare nella prudenza, ma anche evitando comportamenti sconsiderati e spregiudicati, in barba alle regolamentazioni che ci sono a livello nazionale e internazionale, che possono sfociare in problematiche molto pericolose a livello legale.

E’ infatti risaputo come talvolta avvenga l’appropriazione di immagini coperte da copyright senza alcuna autorizzazione e ciò sfoci in cause legali molto dolorose per l’incauto utilizzatore. Con questo articolo voglio spiegarti alcune regole da rispettare e darti alcuni suggerimenti per trovare materiale libero da vincoli e di buona qualità.

Nel caso di loghi, personaggi dei cartoon o ritratti di star della musica e del cinema, puoi prendere una foto e riprodurne ad aerografo il contenuto su una maglietta, su un casco, sul serbatoio della tua moto senza problemi di sorta se questa operazione si limita a questa realizzazione per uso personale o anche come vendita di questa aerografia ad un committente singolo.

Non è invece legale riprodurre lo stesso soggetto per quantitativi importanti, e commercializzarli. In tal caso si configura lo sfruttamento dell’immagine ad uso commerciale senza autorizzazione e chi detiene i diritti d’autore dell’immagine o del soggetto può a pieno titolo rivalersi legalmente su di te.

Ti faccio un esempio: se disegni Topolino su una maglietta e la vendi a un cliente non succede nulla ma se ne realizzi 1000 tutte uguali per usi commerciali, è probabile che la Walt Disney venga a bussare alla tua porta, e stanne certo, non te la caveresti “a tarallucci e vino”!

La legge italiana distingue tra “opera fotografica” (che presenti dunque un proprio carattere creativo per taglio, scelta dell’inquadratura…ecc.) che è tutelata sino a 70 anni dalla morte dell’autore e la mera “fotografia”, ovvero una fotografia che non ha carattere creativo ma risponde solo ad uno spirito di documentazione (ad esempio il reportage fotografico di una partita di calcio o di un congresso), la cui  tutela perdura solo 20 anni dallo scatto.

Regole particolari si applicano al ritratto: la legge sul diritto d’autore (n. 633 /1941 e successive modifiche) e il codice civile (art. 10) prevedono che il materiale fotografico e il materiale video possano essere utilizzati senza il consenso dell’interessato, a fini editoriali o giornalistici (ma non commerciali), solo se si tratta di personaggi pubblici, di chiara fama nazionale e internazionale, oppure se si tratta di persone ritratte in eventi pubblici, svoltisi in luoghi pubblici.

In tutti gli altri casi – usi commerciali o ritratti colti in ambiti privati – chi intende utilizzare le immagini, deve ottenere il consenso dell’autore o del soggetto ritratto, famoso o meno, facendosi rilasciare una liberatoria per l’ utilizzo.

L’immagine diventa di pubblico dominio trascorsi settant’anni dalla morte dell’autore ma, nel caso del ritratto, sono da considerare anche  i diritti di sfruttamento  del personaggio ritratto che appartengono a lui o ai suoi eredi o ai soggetti ai quali sono stati ceduti, che andranno individuati.

Secondo il diritto italiano l’abusivo utilizzo dell’immagine altrui importa una responsabilità civile (e quindi un risarcimento del danno) e, se l’utilizzo è suscettibile di ledere il decoro, la dignità  l’immagine  della persona, anche penale.

Come reperire allora immagini libere? Esistono sul web dei siti che mettono a disposizioni immagini non protette da copyright, o sotto licenza Creative Commons liberamente utilizzabili, oppure a costi molto bassi. Ti suggerisco di visitare questi, ma ne esistono anche molti altri:

https://gratisography.com/

https://pixabay.com/

https://www.1millionfreepictures.com/

http://www.fotolia.com

In questi siti le immagini si presume siano state rilasciate dall’autore con rinuncia ad esercitare i diritti legali. Ad ogni modo, oltre a controllare sui siti le condizioni di utilizzo, per evitare problemi, ti consiglio di tenere traccia del download di ogni foto utilizzata, conservandola insieme all’immagine, in modo da provare, all’occorrenza, almeno la tua buona fede.

Se invece tu volessi utilizzare immagini trovate su altri siti, dovrai necessariamente scrivere una email per chiedere il consenso all’uso, e tenere traccia della mail di richiesta.

Un importante strumento di indagine sulla natura protetta o meno dell’immagine è Google Images. Vai sulla home di images.google.com e clicca sull’icona della macchina fotografica.

Nello spazio che comparirà digita l’indirizzo dell’immagine oppure trascinacela dopo averla salvata sul pc.

Sempre dalla pagina images.google.com, clicca sul menu impostazioni sotto la macchina fotografica, scegli IMPOSTAZIONI DI RICERCA e poi vai alla voce RICERCA AVANZATA: si aprirà una finestra dove potrai vedere in basso quali sono i diritti di utilizzo dell’immagine e quindi il fatto che sia libera da copyright.

In questo modo sarai tranquillo sul fatto che l’immagine prescelta non ha vincoli di copyright e quindi la puoi usare senza problemi. Spero di esserti stato utile, ma in ogni caso se tu volessi qualche informazione in più, contattami direttamente e vediamo se posso aiutarti ulteriormente.

Ringrazio anche l’Avvocato Maria Grazia Pinardi dell’omonimo Studio Legale di Bologna per la preziosa consulenza riguardo alle normative vigenti.

Ciao e Buon Lavoro con l’Aerografo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.